ACHILLE BONITO OLIVA

Sei puristi, Catalogo Mostra alla Libreria Guida, Napoli, 25 gennaio-9 febbraio 1966


Una visione scientifico-positivista e nello stesso tempo spiritualista emerge chiaramente nelle ultime produzioni di Samonà Questi dispone l'oggetto-forma sul fondo con diverso gradiente di chiarezza, in maniera da creare vari orientamenti spaziali e di piani e nello stesso tempo un salto nella stabile indeterminazione di un mondo proiettato. La modalità autonoma del suo evidenziarsi scaturisce da una condizione eminentemente percettiva (e quindi verificabile): l'oggetto-forma supera (per chiarezza) il resto del campo stabilito allo sguardo. La sua pittura purista può essere validamente definita con la proposizione di Greenberg: "post-painterly abstraction", cioè un procedimento d'astrazione direzionato prevalentemente verso un colore più fisicizzato e senza dettato interiore.